Lettera di Giovanni, detenuto della Cooperativa Sociale Giotto