Ieri il Santo Padre Benedetto XVI ha mostrato, per un'ultima volta, la sua certezza tenace di Cristo presente, chiaramente persuaso del fatto che la Meta è già dentro il cammino (suo e della Chiesa): "Sono semplicemente un pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio in questa terra". Noi vogliamo ringraziarlo con le sue stesse parole, pronunciate ieri dalla terrazza del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, di fronte a centinaia di fedeli. Nei prossimi giorni riproporremo i grandi contributi del Santo Padre al cammino del nostro Pellegrinaggio Macerata-Loreto.

 

SALUTO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI AI FEDELI DELLA DIOCESI DI ALBANO

Loggia centrale del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo 
Giovedì, 28 febbraio 2013

Grazie!
Grazie a voi!

Cari amici, sono felice di essere con voi, circondato dalla bellezza del creato e dalla vostra simpatia che mi fa molto bene. Grazie per la vostra amicizia, il vostro affetto. Voi sapete che questo mio giorno è diverso da quelli precedenti; non sono più Sommo Pontefice della Chiesa cattolica: fino alle otto di sera lo sarò ancora, poi non più. Sono semplicemente un pellegrino che inizia l’ultima tappa del suo pellegrinaggio in questa terra. Ma vorrei ancora, con il mio cuore, con il mio amore, con la mia preghiera, con la mia riflessione, con tutte le mie forze interiori, lavorare per il bene comune e il bene della Chiesa e dell’umanità. E mi sento molto appoggiato dalla vostra simpatia. Andiamo avanti insieme con il Signore per il bene della Chiesa e del mondo. Grazie, vi imparto adesso con tutto il cuore la mia Benedizione.

Ci benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Grazie, buona notte! Grazie a voi tutti!

 

© Copyright 2013 - Libreria Editrice Vaticana